libri digitali gratis per i dislessici

da Sophia.it  del 7 settembre 2009
Con BiblioAid libri digitali gratis per gli studenti dislessici


Il servizio BiblioAid è gratuito grazie all’accordo triennale tra l’Aid e la fondazione Telecom Italia. Già 9 mila libri distribuiti a studenti di elementari, medie e superiori a fronte di una richiesta di 23 mila copie da tutta Italia

BOLOGNA – Fornire agli alunni dislessici e con disturbi specifici dell’apprendimento una copia digitale (in cd-rom) dei libri scolastici, leggibile con un programma di sintesi vocale. Senza alcuna spesa di produzione o spedizione da parte delle famiglie. È questo il nuovo servizio che l’Associazione italiana dislessici (Aid), grazie alla partnership triennale con la fondazione Telecom Italia, offre a quel 4 per cento degli studenti italiani delle elementari, medie e superiori che è colpito, in modo più o meno pesante, da questo disturbo. Collegandosi con il sito http://www.biblioaid.it e compilando un modulo di autocertificazione, è possibile consultare l’elenco delle case editrici per la fornitura di cd rom con file in formato "pdf", decifrabili con un qualsiasi software di sintesi vocale. "Da giugno ad oggi sono arrivate 23mila richieste – dice Maria Grazia Pancaldi dell’Aid – e abbiamo già distribuito 9mila libri. L’anno scorso ci siamo fermati a 13mila. Il merito della gratuità di quest’anno è dell’accordo con la fondazione Telecom Italia, che ci ha fornito anche personale e aiuto informatico". Le richieste arrivano da tutte le regioni italiane – Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto in testa – e anche dagli istituti di lingua italiana all’estero (Australia, Grecia, Inghilterra…).

Il progetto BiblioAid nasce nel 2006 con lo scopo di aiutare bambini e ragazzi dislessici a raggiungere il successo scolastico. La sede è nei locali degli Istituti tecnici Aldini Valeriani e Sirani di Bologna. "Ci arrivano i file in pdf direttamente dalle case editrici – continua Pancaldi – noi ci occupiamo di adattarli, indicizzarli e masterizzarli". Da quest’anno potranno accedere al servizio anche altri alunni disabili con problemi di lettura, come ipovedenti e paraplegici. Con l’arrivo del nuovo anno scolastico, tra l’altro, nella provincia di Bologna sono diventati più restrittivi i termini per ottenere la certificazione. Quali saranno le conseguenze per i ragazzi dislessici? "Minime o nulle – spiega Pancaldi – anche se come Aid abbiamo dovuto lottare affinché si mantenesse il supporto dell’insegnante di sostegno per i casi più gravi di disturbi dell’apprendimento. Il pericolo era che circa 800 studenti si trovassero da un giorno all’altro senza nessun aiuto ‘speciale’. Dobbiamo ringraziare la Provincia di Bologna per averci ascoltato".

Annunci

Informazioni su Alessandra Chiaretta

Formatrice Canalescuola Soc.Coop e Operatrice del Centro tecnologico didattico "Aiutami a fare da solo" per la dislessia in Finale Ligure.
Questa voce è stata pubblicata in Dislessia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...